Contenuto principale

Figure di Funzionamento

 ORGANIZZAZIONE

 

 

 

FIGURE DI FUNZIONAMENTO 

 

COORDINATORI DI CLASSE

Il Coordinatore di classe rappresenta, in particolar modo, il tutor degli allievi e ne facilita il rapporto con la scuola.
Egli è il punto di riferimento per le azioni da mettere in atto e per tutti gli aspetti che riguardano la classe; pertanto:

  • favorisce ogni opportuna intesa tra i docenti della classe, cura i rapporti con le famiglie nell’intento di cercare soluzioni ad eventuali problemi che sorgono all'interno della classe;
  • facilita il processo di crescita umana, sociale e civile degli alunni al fine di attenuare il fenomeno della dispersione scolastica, indicando tempestivamente situazioni di rischio;
  • verifica il corretto svolgimento di quanto concordato in sede di programmazione della classe;
  • svolge funzioni di verbalizzazione;
  • coordina la predisposizione del materiale necessario per le operazioni di scrutinio;
  • offre ogni utile collaborazione al Dirigente Scolastico.

 

COORDINATORI DI DIPARTIMENTO

I Dipartimenti disciplinari sono luoghi comuni di riflessione, analisi, progettazione, scambio di esperienze tra docenti della stessa disciplina o discipline affini.
Il Coordinatore di dipartimento promuove e sintetizza le proposte in ordine a:

  • programmazione comune per materie e per classi parallele;
  • definizione degli obiettivi minimi, degli strumenti di valutazione e modalità di verifica;
  • definizione dei percorsi di recupero e sostegno;
  • scelta, possibilmente unitaria, dei libri di testo e dei sussidi didattici;
  • promozione di iniziative formative e/o sperimentazioni didattiche intese a migliorare l’offerta formativa. 

RESPONSABILI DI LABORATORIO

Compiti del Responsabile di laboratorio sono:

  • custodire il materiale didattico, tecnico e scientifico del laboratorio;
  • proporre lo scarico del materiale obsoleto o necessario di riparazione;
  • coordinare le procedure per le proposte d’acquisto tra i vari insegnanti che operano nel laboratorio;
  • segnalare eventuali anomalie all’interno del laboratorio;
  • predisporre, sentiti gli insegnanti interessati, una regolamentazione del laboratorio;
  • vigilare che tutte le misure di sicurezza disposte dal Dirigente Scolastico siano osservate segnalando eventuali inadempienze;
  • predisporre, d’intesa con il responsabile della sicurezza, schede di manutenzione di macchine e impianti tecnologici presenti;
  • accertarsi che il laboratorio sia provvisto di tutti i dispositivi individuali necessari per lo svolgimento delle esercitazioni programmate;
  • predisporre le procedure di sicurezza in relazione alle attività svolte in laboratorio;
  • attuare il programma di informazione e formazione sulla sicurezza, predisposto dal Dirigente Scolastico. 

RESPONSABILE UFFICIO TECNICO

E' una figura che ha vari compiti, funzionali al servizio scolastico. Egli:

  •  Sentiti i coordinatori dei dipartimenti e i responsabili dei laboratori, provvede all’approvvigionamento dei materiali di consumo di cui è necessario mantenere una scorta e delle nuove apparecchiature per integrare la dotazione dei laboratori.
  • Ha la responsabilità della manutenzione ordinaria di tutte le macchine ed attrezzature utilizzate all’interno dell’Istituto.
  • Per quanto riguarda la manutenzione straordinaria, svolta da ditte specializzate, ha comunque il compito di supervisore dei lavori in nome e per conto del Dirigente Scolastico.
  • Interviene nella valutazione e controllo dei fornitori di materiali.
  • Cura i rapporti con l’ente locale tenuto alla manutenzione delle infrastrutture, segnalando tempestivamente allo stesso tutte le necessità di manutenzione ordinaria e straordinaria.
  • Collabora con la dirigenza a supporto del POF e del piano degli acquisti, predisponendo i piani di acquisto che derivano dal POF e dalle AREE DI PROGETTO.
  • Coordina i responsabili di laboratorio e le commissioni tecniche di acquisto-inventario, per ogni necessità inerente il miglioramento degli standard delle attrezzature didattiche. E’ membro di diritto delle commissioni acquisti; tali commissioni sono, di norma, completate dagli insegnanti direttamente interessati all’acquisizione delle nuove apparecchiature, dei nuovi beni o nuovi servizi.
  • Formula progetti e/o capitolati di acquisto, predispone le gare di appalto, coordina la commissione di gara per la comparazione delle offerte.
  • Coordina e/o organizza i rapporti con gli enti esterni, per la cessione in uso temporaneo dei locali. 

RESPONSABILE DELLA SICUREZZA

Al Responsabile della sicurezza sono assegnati i seguenti compiti:

  • consulenza tecnica al Dirigente Scolastico per l’organizzazione di un piano operativo degli adempimenti conseguenti al D.Lgs. 81/08 e norme d’attuazione collegate;
  • revisione annuale del documento finale di sicurezza ogni qualvolta si renda necessario per variazioni delle attività o delle attrezzature lavorative, di ampliamenti e verifiche delle strutture e degli impianti;
  • verifica della corretta esecuzione degli adempimenti prescritti e istituzione di relativi sistemi di controllo delle misure;
  • revisione annuale dei piani di evacuazione per protezione antincendio;
  • predisposizione di piani e schede di manutenzione di macchine e impianti tecnologici;
  • definizioni di procedure di sicurezza in relazione alle diverse attività scolastiche;
  • partecipazione alle consultazioni in tema di igiene e sicurezza sul lavoro;
  • rapporti con gli Organi di vigilanza in caso di verifiche;
  • coordinamento e promozione delle attività di tutti gli addetti al servizio di prevenzione e protezione sul lavoro. 

COLLABORATORI DEL DIRIGENTE SCOLASTICO 

Sono figure che coadiuvano il Dirigente Scolastico, svolgendo mansioni organizzative differenziate, ma funzionali ad un organico ed armonioso svolgimento dell'attività scolastica. 

DOCENTI TITOLARI DELLE FUNZIONI STRUMENTALI

Individuate dal Collegio dei Docenti, tali figure svolgono “funzioni strumentali” dirette ad assicurare il supporto tecnico-organizzativo necessario alla realizzazione dei progetti inseriti nel POF. Le funzioni strumentali si distribuiscono tra le aree sotto elencate.

 AREA 1: gestione del P.O.F.

  • coordinamento delle attività di stesura ed aggiornamento del P.O.F.;
  • monitoraggio e valutazione iniziative del P.O.F.;
  • coordinamento iniziative per l’attuazione della riforma degli Istituti Tecnici;
  • coordinamento attività preordinate allo svolgimento delle prove INVALSI;
  • coordinamento iniziative dirette a far conoscere e apprezzare l’Offerta Formativa dell’Istituto;
  • relazione finale e rendiconto delle attività svolte.

 AREA 2: sostegno lavoro dei docenti

  • supporto alla gestione del sito web dell’Istituto, per quanto attiene alla funzione docente;
  • analisi bisogni formativi dei docenti, coordinamento del piano di aggiornamento e della produzione dei materiali didattici, supporto nell’uso delle TIC. 
  • adempimenti connessi a quanto richiesto dal portale del MIUR (SCUOLA IN CHIARO, PON IN CHIARO)
  • partecipazione alle riunioni di Staff 
  • relazione finale e rendiconto delle attività svolte.

 AREA 3: iInterventi e servizi per studenti e realizzazione di progetti formativi d’intesa con Enti ed Istituzioni esterni alla scuola, coordinamento di attività intese ad arricchire l’offerta formativa in relazione ai bisogni degli studenti.

Pertanto la Funzioni Strumentali dell’Area 3 dovrà realizzare iniziative dirette a:

  • promuovere stili di vita positivi;
  • promuovere la centralità ed il protagonismo dei giovani attraverso occasioni di incontro, aggregazione e socializzazione;
  • promuovere la cultura della legalità ed educare alla cittadinanza attiva;
  • coordinare le attività di orientamento in ingresso, i bisogni formativi degli alunni e i rapporti scuola – famiglia, e l’attività antidispersione scolastica;
  • coordinare le attività di orientamento in uscita, i rapporti con il mondo dell’Università e del lavoro, i rapporti con Enti ed Istituzioni in rapporto alle strategie di occupabilità;
  • coordinare le iniziative di formazione (stage, visite aziendali, incontri con esperti del mondo del lavoro, delle professioni e della ricerca scientifica e tecnologica) con le aziende e/o gli Enti del territorio;
  • promuovere iniziative di educazione alla salute;
  • collaborare alla realizzazione del POF relativamente alle attività previste in questa Area;
  • partecipazione alle riunioni di Staff;
  • relazione finale e rendiconto delle attività svolte.

 AREA 4: Valutazione ed autovalutazione di istituto

Tale funzione opera nei seguenti ambiti:

  • verifica, valutazione, regolazione periodica e sistematica del sistema informativo dell’Istituto (attività direttive, amministrative, didattiche), relativamente ai seguenti aspetti:
  • gestionale-organizzativo (risorse / orari di intervento / tempi / spazi / modalità operative / strumenti di lavoro);
  • didattico/educativo (itinerari formativi disciplinari e trasversali / attività curricolari ed extracurricolari / sperimentazioni / progetti specifici / interventi individualizzati / continuità nella scuola di base / attività scuola-famiglia - territorio);
  • qualità del servizio scolastico (esiti formativi / problematiche connesse all’insegnamento e all’apprendimento / casi di scarso profitto / raccordo programmazione, valutazione, autovalutazione);
  • partecipazione alle riunioni di Staff;
  • relazione finale e rendiconto delle attività svolte.