Contenuto principale

RAV

Rapporto di Autovalutazione

  

Il Rapporto di Autovalutazione, chiamato anche RAV, è lo strumento che accompagna e documenta il primo processo di valutazione previsto dall'SNV: l'autovalutazione.

Il Rapporto fornisce una rappresentazione della scuola attraverso un'analisi del suo funzionamento e costituisce inoltre la base per individuare le priorità di sviluppo verso cui orientare il piano di miglioramento. 

Scarica il Rapporto di Autovalutazione in formato .zip

 

Regolamento

Il regolamento di Istituto

(Delibera Consiglio Istituto
nr. 2 del 19/12/2008)

 SCARICA IL DOCUMENTO

icon Regolamento di Istituto

Come operiamo

METODO DI INSEGNAMENTO

I docenti nell’espletamento delle attività e dei compiti previsti, devono attenersi, innanzitutto, alle disposizioni riportate nel “Regolamento recante codice di comportamento dei pubblici dipendenti, a norma dell’art. n° 54 del decreto legge 30 marzo 2001 n° 165”,  approvato con DPR n. 62 del 16 aprile 2013, e pubblicato  sulla Gazzetta Ufficiale n° 129 del 4 giugno 2013.

I Docenti di ogni Consiglio di Classe osservano comportamenti comuni al fine di:

  • adottare la massima trasparenza nella programmazione e nei criteri di valutazione;
  • fare in modo che gli alunni partecipino attivamente al dialogo educativo;
  •  accrescere la fiducia negli alunni a seconda delle possibilità evidenziate da ognuno di loro e nel rispetto del processo di apprendimento individuale;
  • evitare la demonizzazione dell'errore, il quale va invece accettato come punto di partenza per modificare i comportamenti dell'allievo;
  • utilizzare, nel corso dell'attività didattica, metodi e strumenti non solo diversificati, ma anche funzionali agli obiettivi da perseguire;
  •  rendere la valutazione in itinere un momento formativo, correggendo gli elaborati scritti con rapidità e comunque dandoli in visione agli alunni prima dello svolgimento del compito successivo; comunicare il risultato della valutazione, nelle verifiche orali, almeno in termini indicativi;
  • favorire l'autovalutazione;
  • esigere dagli alunni il rispetto della puntualità nell'ingresso a scuola e nell'esecuzione dei compiti assegnati;
  • pretendere rispetto nei confronti di tutte le persone che lavorano nella scuola;
  • indirizzare al rispetto dell'ambiente e dei beni comuni (attrezzature, suppellettili, strutture, ecc.);
  • educare gli alunni a star bene con sé e con gli altri, alla solidarietà, al rispetto delle diversità;
  • esigere dagli alunni, nell'ambiente scolastico, un comportamento corretto e responsabile, il rispetto delle libertà altrui e la consapevolezza dei limiti delle proprie.

METODO DI APPRENDIMENTO

Nella società della conoscenza il sapere e le conoscenze sono il nuovo capitale dell'economia e dello sviluppo sociale, gli individui con le loro competenze sono la risorsa fondamentale.

L'intreccio indissolubile tra la società e i suoi membri è un aspetto necessario affinché il sistema possa vivere

e il suo funzionamento si orienti all'innovazione.

L'apprendimento diviene, quindi, priorità fondamentale e il suo significato travalica la dimensione specifica dei percorsi di istruzione e di formazione per declinarsi come una potenzialità che si può realizzare durante tutta la vita, in una pluralità di situazioni.

Il processo di formazione/apprendimento coinvolge gli individui lungo il corso della loro esistenza, abbracciando i diversi ambiti di vita: professionale, privato, familiare, sociale.

Mediante l'apprendimento l'uomo diventa sempre più se stesso e in grado di affrontare le sfide presenti nelle moderne società.

L'educazione permanente si sviluppa sulla base di tre principi guida:

a) principio della partecipazione

b) principio della globalità

c) principio di uguaglianza delle opportunità

L'obiettivo è quello di garantire a tutti i cittadini, indipendentemente dal genere, dallo stato socio-economico e dalla cultura d'appartenenza, le stesse opportunità di partecipazione a percorsi d'istruzione e di formazione finalizzati alla realizzazione del sé nella sua globalità.

In quest'ottica, l'unico modo possibile è ripensare la scuola come spazio aperto capace di ascoltare temi e proposte in sintonia con i bisogni del territorio. L’istituto “A.Meucci” adotta una didattica laboratoriale che privilegia un apprendimento partecipativo, esperenziale che potenzia la curiosità e la voglia di sperimentare.

LA RETE

L’Istituto ha costruito una RETE D’INTERAZIONE con Famiglie, Aziende, Enti, Associazioni Professionali e di Categoria, Agenzie Formative, Centri di Ricerca,   Università ed Enti Locali. 

 

Sedi

L’Istituto d’Istruzione Superiore "Antonio Meucci" di Casarano è formato da due sedi: la sede di Viale Francesco Ferrari e la sede di Via Pendino.

Presso la sede di Viale Ferrari (Tel. 0833.504009-504545) sono attivi gli indirizzi di :

  • Informatica e Telecomunicazioni
  • Elettronica ed Elettrotecnica
  • Meccanica, Meccatronica ed Energia
  • Parte delle classi del biennio

Nella sede centrale dell’istituto, ubicata in Viale F. Ferrari, sono presenti, oltre agli uffici di Presidenza e di segreteria, 17 laboratori, 1 ambiente formativo per i docenti, una sala insegnanti, una palestra e 36 aule.  L’Istituto si estende su 4 piani.

Entrambe le sedi sono dotate di rete LAN cablata Fast-Ethernet 10/100 Mbps ed accesso indipendente ad Internet. 

La LAN dell’edificio di Viale F. Ferrari, si basa su un sistema di cablaggio strutturato con topologia a stella gerarchica con dorsale in fibra ottica. La rete cablata di questa sede connette gli uffici, i laboratori e l’ambiente formativo per i docenti. La connessione ad Internet è assicurata da 2 linee in fibra ottica a 100 Mb/s. Nell’edificio sono installati diversi Access Point che garantiscono la copertura wireless degli ambienti didattici.

_____


Presso la sede di Via Pendino (Tel. 0833.502169) sono attivi gli indirizzi di :

  • Costruzioni, Ambiente e Territorio (Geometri)
  • Liceo Scientifico
  • Le restanti classi del biennio

Nella sede staccata di Via Pendino, che si sviluppa su un unico piano, sono presenti  2 sale ufficio, l’aula docenti, 8 laboratori, 21 aule, una biblioteca, un auditorium e la palestra. 

La sede è provvista di rete LAN cablata Fast-Ethernet 10/100 Mbps con topologia a stella gerarchica che oltre gli uffici, connette i laboratori, l’auditorium e la biblioteca. La connessione ad Internet avviene tramite connessione su linea  in fibra ottica a 100 Mb/sNell’edificio sono installati diversi Access Point che garantiscono la copertura wireless degli ambienti didattici.

Dove siamo

L'Istituto ha sede a Casarano è un comune di 43.971 abitanti della provincia di Lecce.

Situato nel Salento meridionale, dista 46 km dal capoluogo provinciale e 10 km dalla costa ionica.

È il quinto centro più popoloso della provincia.

Per approfondimenti: http://rete.comuni-italiani.it/wiki/Casarano

 

 Clicca qui per visualizzare la Sede di Viale F. Ferrari su Google Maps o naviga sulla seguente Mappa:

 

Clicca qui per visualizzare la Sede di Via Pendino su Google Maps o naviga sulla seguente Mappa:

 

 

Altri articoli...

  1. Chi Siamo